Corso di Cameraman

Durata: 450 ore

Docente:

Il corso di cameraman ha una durata annuale. Il corso organizzato dall’Ass. Artime avrà inizio a settembre 2013 e si terrà nei giorni di Venerdì e Sabato presso la sede del C.A.M.S. il ‘’Palatupparello’’ di Acireale

Alla fine del corso si terrà un esame per conseguire l’abilitazione di Cameraman. A coloro che supereranno l’esame verrà rilasciato un attestato di qualifica professionale riconosciuto dalla Regione Sicilia e dalla Comunità Europea.

Costo del corso: € 1.300,00 pagabile in 10 rate mensili da 130€ cadauna

Quota d’iscrizione: € 200,00 (da versare al momento della prenotazione del proprio posto all’interno della classe a numero chiuso);

L’Ass. Artime attiva il corso di Cameraman, un completo corso di formazione per chiunque desideri diventare cameraman.

Il corso di cameraman è destinato a tutti coloro che vogliano apprendere la tecnica e la pratica della ripresa televisiva professionale ed in più avere l’occasione di incontrare professionisti del settore cameramen e l’opportunità di incontrare alcuni operatori di ripresa durante la realizzazione del corso.

Il Corso di cameraman si tiene presso il C.A.M.S. dove l’allievo impara la teoria e la pratica dell’utilizzo a spalla delle macchine da presa professionali.

L’allievo durante il Corso conseguirà anche la minima conoscenza e la capacità di montare le proprie immagini, sarà in grado di svolgere le principali mansioni di un operatore di ripresa, acquisendo così un’adattabilità ai diversi ruoli che deve svolgere un operatore cameraman.

Chi è il cameraman?

Quando si parla di cameraman ci riferiamo a quella figura professionale che si occupa di riprendere immagini per programmi televisivi, documentari o reportage, sia all’interno di studi che in ambienti esterni. Quando si decide di intraprendere questa professione è bene ricordare che la macchina da presa con cui si lavora, non è soltanto un mezzo, ma è ciò che farà del tuo filmato un capolavoro.

È infatti di fondamentale importanza avere una conoscenza approfondita delle inquadrature tenendo sempre conto di quali siano le caratteristiche della scena che si andrà a riprendere, come la tipologia di luce, i colori, le dimensioni e il movimento.

Inoltre il cameraman deve conoscere approfonditamente la macchina da presa che sta utilizzando, le sue caratteristiche e funzioni, e deve inoltre avere la capacità di collaborare con le altre figure professionali che si trovano in studio: regista, tecnici della luce, del suono, e gli stessi attori/presentatori.

Obiettivi

L’obiettivo del corso è quello di creare cameraman completi non solo dal punto di vista tecnico, ma cerchiamo di impartire loro anche creatività, senso estetico e capacita di lavorare in squadra, per delle produzioni cinematografiche sempre di altissima qualità sotto ogni profilo.

Il corso si propone di formare una figura professionale di alta specializzazione artistica e professionale, in grado di operare nell’ambito della scena teatrale, cinematografica e televisiva.

Il cameraman svolge la sua attività come libero professionista, sia autonomamente, sia in collaborazione con altri. È valido collaboratore presso studi professionali, aziende, imprese ed organizzazioni operanti nel settore dello spettacolo.

Lo studente alla fine del corso potrà svolgere la libera professione artistica o essere impiegato presso strutture private e istituzioni pubbliche, principalmente nell’ambito delle attività creative relative ai campi del cinema, teatro e televisione.

Programma di Studio

 

CORSO DI RIPRESE/CAMERAMAN

La macchina da presa

Tipi di macchina da presa e loro uso specifico. Anatomia della macchina da presa. Dalla luce al segnale video. Sistema ottico di separazione dei colori. I sensori: CCD e CMOS. Offset spaziale. Campionamento del tempo, scansione interlacciata e progressiva. Elaborazione del segnale video. Video analogico e digitale: composito, y/c, component, rgb. DSP. La dinamica dell’immagine elettronica. La registrazione del segnale. Timecode. Anatomia dell’obiettivo.. La messa a fuoco: minima distanza, infinito, macro, back focus, la profondità di campo e il suo calcolo, il fuoco selettivo, il follow focus. La lunghezza focale: sistema ottico dell’obbiettivo, classificazione dell’obbiettivo in base all’angolo di campo, sensore e focale, metodo di conversione della focale, gli aggiuntivi ottici, lo zoom, l’effetto vertigo. Il diaframma: anatomia del diaframma, apertura relativa e scala di diaframmi, la luminosità dell’obiettivo. L’otturatore: otturatore meccanico ed elettronico, velocità dell’otturatore e sue applicazioni. Il bilanciamento del bianco: la temperatura del colore e la sua misurazione, filtri di conversione colore.

Uso della macchina da presa

La distanza reale e quella cinematografica. Tipi di classificazione dell’inquadratura. Prospettiva, fuoco e focale dell’obiettivo. La forza espansiva dell’inquadratura. Meccanica dell’attenzione e composizione dell’inquadratura. La regola dei terzi, l’aria e il bilanciamento dell’inquadratura. Le correzioni di macchina. Inquadrature inclinate e oblique. L’orizzonte. I movimenti di macchina e loro applicazione: panoramiche, carrellate, camera car, steadycam, cable cam, dolly, crane, supporti a spalla, macchina a mano, crash cam, travelling. Movimenti sincronizzati. Anatomia e uso dei seguenti supporti: cavalletto, steadycam, carrello, stella a ruote, crane.

 

Allestimento del set

Set ENG ed EFP. Tecniche di allestimento del set. Posizione e angolazione della macchina da presa nello spazio. Il montaggio in macchina. Lo spazio a 180°, la mediana di divisione dello spazio e le tecniche per cambiarla. Tecnica del master/coverage. Tecniche della continuità visiva, movimenti di macchina e montaggio nascosto. Elementi di ripresa audio: macchina da presa e microfono esterno, la presa diretta, strumenti per la presa diretta: microfono a fucile, boom kit, dead cat, giraffa, lavalier, microfoni wireless. Cavi e connettori. Preparazione del materiale per set in interno e in esterno.

Elementi di fotografia e illuminazione

La luce e il colore degli oggetti dal punto di vista fisico. Teoria del colore, temperatura e semantica del colore. I formati di visualizzazione e quelli di registrazione: cinema, broadcast, SD e HD. Metodologia dell’esposizione: uso del diaframma e dell’otturatore, sensibilità del sensore, circuito del gain, luce incidente e riflessa, circuito zebra, taratura di un monitor video. Luce pittorica e naturalistica. Luce motivata e piani luminosi. Correzione elettronica della dinamica di un immagine: black pedestal, white knee, compress, strech, gamma, matrix. Tecniche di illuminazione: luce chiave, riempimento e controluce, high key e low key, luce artificiale e naturale, blu/green screen, integrazione tra riprese dal vivo e computer grafica. Tipi di illuminatori e loro uso. Accessori per l’illuminazione e loro uso. I filtri ottici, le gelatine e loro applicazione. Setting e illuminazione in interno e in esterno.

Elementi di produzione

Lo spoglio della sceneggiatura. Il piano di produzione e l’ordine del giorno. I reparti di produzione: produzione, regia, fotografia, suono, costumi scenografia e montaggio. Composizione di una troupe, regole ed abitudini del set.


Il corso sarà integrato dai seguenti moduli.

  • lingua inglese (di base), 20 ore;
  • informatica di base (di base), 36 ore;
  • cultura d’impresa (trasversale), 10 ore;
  • presentazione del corso (trasversale), 6 ore;
  • spendibilità della professione (trasversale), 12 ore;
  • diritto del lavoro e sindacale (di base), 20 ore;
  • igiene e sicurezza nei luoghi di lavoro (Dl.626/94) (di base), 16 ore.

 

Share Button